.
Annunci online

...Il problema degli altri è anche il mio: sortirne tutti insieme è la Politica,sortirne da soli è l'avarizia. -Don Milani-
9 settembre 2008
..ciò che ESATTAMENTE io penso...
 

"perché dar voce e importanza a chi sfrutta i privilegi ma non si mescola fra la gente, a chi ha capito che, per andare sui giornali, bisogna sparare bordate senza preoccuparsi dei danni inferti al partito, a chi ci lavora, a chi ci crede».


«Voglio che avanzi una nuova generazione di politici, più vicini alla gente. In futuro saranno candidati solo quelli che dimostreranno di non essere autoreferenziali. Non basta essere capaci di fare un bell´intervento in un convegno, occorre essere in grado di dare risposte ad un´assemblea di operai, di artigiani». Campane a morto per «i reduci, i post e gli ex». Si volta pagina.

«Tempo, ci vuole tempo, non si possono fare gli 800 metri con il fiato dei cento altrimenti si arriva con la lingua fuori», 

"la gente è più avanti, molto più avanti di chi la rappresenta». 


«Va bene il pluralismo, ma il tesseramento deve essere uno solo» (riferendosi alla fondazione dalemiana Red). Quanto alla richiesta di D'Alema essere chiamato a dare una mano nel partito: «Va benissimo, giusto coinvolgere tutti, ma dobbiamo far crescere una nuova generazione di dirigenti politici».


 

Walter Veltroni

 


 


 




permalink | inviato da trama87 il 9/9/2008 alle 15:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        ottobre

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Non c'è nulla di più ingiusto quanto
creare parti uguali tra disuguali...
Don Milani

"fatti non foste a viver
 come bruti,
ma per seguir virtute
e canoscenza"
 

ULTIME  LETTURE :
"
Le parole non le portano le cicogne"
Roberto Vecchioni

"Spingendo la notte più in là"
Mario Calabresi

COSA STO LEGGENDO:
"Il sentiero dei nidi di ragno"
Italo Calvino

il MIO uomo perfetto

Chi vuol parlare con
 intelligenza deve farsi
forza di ciò che è
comune a tutti
Eraclito